Giorno 07

Ok, ci siamo tutti! Il team è al completo dopo che ieri notte sono arrivati anche Robeto Verde, Luca Barboni e Franscesco Cianfarani!

Eccoci alla prima mattina insieme: oggi faremo il tour della down town con le guide di NaiNami (avevo scritto un articolo in merito dovi presento questi ragazzi e le loro storie)

Skillando team

Appuntamento in centro con le guide che ci conduranno per due ore alla scoperta dei luoghi dove sono cresciuti; durante il percorso, che dura circa due ore, queste guide ti racconteranno le loro storie: chi è cresciuto derubando i turisti e chi invece si fingeva ufficiale di polizia per multare qualche sprovveduto occidentale e “mettersi in tasca” 50 dollari.

Skillando down town

Una foto di gruppo nel bel mezzo della downtown: ognuno di questi ragazzi ti racconterà il proprio vissuto e la propria storia di vita. E’ davvero impressionante soffermarsi a pensare che molto di quello che siamo oggi dipenda in gran parte da dove sei vissuto.

Skillando tour

Ogni “attività commerciale” della down town è fortemente verticale: chi vende solo esclusivamente chiavi inglesi e chi, invece, solo tomai per produrre sandali. Sembra che il lavoro, se così possiamo definirlo, sia equamente condiviso all’interno della comunità.

Skillando market

In questo mercato nel pieno centro della down town puoi trovare i tipici souvenirs che vengono realizzati, nella maggior parte dei casi, reciclando materiali di scarto: la suola delle flip flop comprate da Paolo è fatta con copertoni di auto mentre le ciotole che vedi in questo video non sono altro che il guscio delle zucche essiccate al sole.

Skillando market

C’è anche un artista di strada che costruisce mezzi di trasporto “alternativi” con svariati pezzi di scarto: ha impiegato circa sette mesi per realizzare questo mezzo.

Skillando street art

Google fit mi dice che abbiamo camminato per circa 8 km, siamo arrivati a casa esausti.

Skillando tour

La giornata si conclude con una cena e relativa serata in uno dei “peggior bar” di Nairobi:

Skillando club

 

 

 

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *